viafabbri43.net
ScattiExtrasTraduzioni
Discografia
In breve...
Folk beat n. 1
Due anni dopo
L'isola non trovata
Radici
Opera Buffa
Stanze di vita quotidiana
Via Paolo Fabbri 43
Amerigo
Album concerto
Metropolis
Guccini
Fra la via Emilia e il West
Signora Bovary
Quasi come Dumas
Quello che non...
Parnassius Guccinii
D'amore, di morte e di altre sciocchezze
Guccini Live Collection
Stagioni
Guccini Live @ RTSI
Ritratti
Anfiteatro Live
The Platinum Collection
Storia di altre storie
L'ultima Thule
Universo gucciniano:
Sito ufficiale
Guccini.net
Rispieghiamo Guccini...
Guccini Fan Club
La Locomotiva (cover band)
40 anni dopo (cover band)
La locomotiva
Guccini by Cirigliano
Fra la via Emilia e il West
I Cazzari & Guccini
Segnala un sito!

La veritÓ (testo)


Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "Due anni dopo" del 1970



La voce triste del silenzio abbraccia gli angoli del tempo,
si Ŕ fatto giorno, ed Ŕ giÓ sera e dove Ŕ andata primavera?
I camions corrono lontani, mi tengon fermo le tue mani.
Le fughe sono ormai finite sulle autostrade ormai ingiallite,
risate a vuoto si sono spente sui visi noti della gente.
Le frasi storiche son dette, le mani nobili son strette,
la mia canzone Ŕ morta giÓ, qualcuno forse ascolterÓ
cercando assieme a me la veritÓ...

Un suono triste di chitarra si sta spargendo lento in aria,
vorrei capire i miei pensieri, in sogni all'alba veritieri.
Nell'aria stanca della sera c'Ŕ un'illusione che par vera,
si son perduti anche i rumori in forme vaghe di colori.
Non sappiam pi¨ che cosa dire, ma non c'Ŕ niente da sentire,
ogni discorso si Ŕ perduto nell'urlo dolce di un minuto
e mentre l'ora se ne va, lontana sembra la cittÓ
e forse cogli un po' di veritÓ...

Parole a vuoto son passate nel cielo breve dell'estate,
la saga falsa degli amori Ŕ giÓ finita come i fiori.
Ma i venditori di illusioni han giÓ cantato le canzoni,
le sale buie splenderanno e i nuovi amori nasceranno.
Nelle auto in corsa lungo i viali risplendon simboli sociali,
la corsa solita riparte, il tempo mescola le carte,
la mano ancora passerÓ e c'Ŕ chi perde o vincerÓ,
ma in quattro re non hai la veritÓ...

Le spiagge morte, all'improvviso, si sono aperte in un sorriso,
si Ŕ sparso piano nella brezza un dolce odore di tristezza.
Il tamburino ha giÓ suonato, ma il suo ricordo si Ŕ spezzato
e un vento denso di paura ha giÓ percorso la pianura.
Il cavaliere morirÓ, il suo scudiero non saprÓ,
parole vuote come occhiaie si seccano sulle pietraie
e mentre il corvo volerÓ e l'acqua in pioggia ricadrÓ
nel nulla sfuma ormai la veritÓ
nel nulla sfuma ormai la veritÓ
nel nulla sfuma ormai la veritÓ
nel nulla sfuma ormai la veritÓ...


Menu rapido: Biografia | Notizie | Discografia | Bibliografia | Foto | Extras | Traduzioni


Aggiungi ai Preferiti
Copyleft 2004-2012. Brugnoni / Ciofanskj / Favero / Grilli. Lo chiamavano źdisclaimer╗.
viafabbri43.net non Ŕ legato alla Emi Music o al sito ufficiale di Francesco Guccini.
Sito disegnato da Diego Brugnoni e Pietro Gregorini.