viafabbri43.net
ScattiExtrasTraduzioni
Biografia

Disclaimer

Allegato (1)

Italia riunita (Interrogazione parlamentare del 3 dicembre, Anno Domini 2139) - Si narra che nell’africano e quasi immemoriale inverno dell’anno 2004 di nostro Signore, un gruppo d’eretici compagni d’estrazione marcatamente gucciniana abbia deciso di realizzare l’opera enciclopedica che è stata recentemente rinvenuta nei territori dell’italica corona.
È lapalissiano anche agli occhi d’uno sbadato ed incolto popolano che quel volume ebbe il turpe intento di far rivivere le gesta pusillanimi di un discusso menestrello di provincia: tal Francesco Guccini. Molto è stato detto sul personaggio e quasi tutte le ricostruzioni storiche sembrano attribuire al romagnolo delle intollerabili abitudini sessuali: a lanciare la quanto mai fondata accusa sulle usanze carnali dell’individuo fu proprio un personaggio vicino politicamente al Guccini; un suo carteggio lascia poco spazio all’interpretazione:

Guccini si è sfogato. Quello che mi saluta dall'uscio di casa è un uomo nuovo, diverso: come direbbe il cardinale Oddi, "c'è un tempo per sbagliare e uno per rimediare". Vedendolo rasserenato, gli stringo la mano accorgendomi che è anche negro e lo invito a riflettere sulla generosità della vita: "Sarai anche omosessuale, ebreo e negro. Ma, rispetto a me, hai almeno la fortuna di non essere comunista.

Seppure con un’inconfondibile terminologia plebea, il giornalista Michele Terra svelò così la vera sembianza di un personaggio amato da generazioni assuefatte d’alcaloide ed etanolo. Eppure, questi incresciosi particolari della vita pubblica e privata di un uomo avvilente, non hanno scoraggiato l’irrazionale e tumultuosa plebe a seguirlo con un’insana passione.
L’opera enciclopedica che i quattro incappucciati avrebbero realizzato per ricordare un siffatto individuo, sarebbe proprio dettata da una volgare concupiscenza ed i lavori per il completamento ultimo del progetto si dice siano durati ben 5 mesi, superando inverni africani ed estati siberiane con temperature oscillanti tra 223 e 411 gradi Jersey. Le cause di un parto così travagliato non sono riconducili alle avverse condizioni climatiche, ma sono tutte da ricercare nell’atavica pigrizia che contraddistinse i disadorni discepoli – il Signor Presidente ricordi che nell’anno domini 2004, allo stato d’inoperosità non corrispondeva ancora alcuna pena capitale.
Ora, Noi - figli di quella gente - vogliamo davvero ricordare ogni giorno e notte d’avere dei procreatori così meschini e biechi?
Oppure credete sia giunta l’ora di purificare le nostre anime purgando un passato da dimenticare?
Io qui chiedo, in nome dell’Italico Popolo Riunito sotto la luce di Sua Maestà, che quel volume venga distrutto. Per sempre.


Prima Repubblica Marxista delle Italie riunite (petizione popolare del 24 Mao Tse-Tung, anno domini 2288) - È con il tipico linguaggio barocco, a tratti incomprensibile, che un oscuro parlamento italiano provò a mutare il destino di un'opera (1) ora conservata nel museo sito in Via Fabbri 43.
Oltre ad un'ovvia avversione mista ad invidia per un capolavoro-rosso, il parlamentare prese due abbagli talmente evidenti da rendere goffo il suo intervento.
Primo: l'opera non fu realizzata per ricordare le gesta di Francesco Guccini in quanto il cantautore perì un quarantennio dopo il completamento del progetto a lui dedicato.
Secondo: l'articolo citato di Michela Serra (divenuto "Terra", per il parlamentare) – definito come carteggio inequivocabile – è, in realtà, uno spezzone di un'intervista immaginaria pubblicata su un vecchio e glorioso supplemento di "Cuore", "Contro!".

Ed è proprio ricordando quell'uggioso periodo e quei loschi tentativi di distruggere un'opera unica, che il popolo chiede l'ampliamento del museo di Via Fabbri, anche alla luce della scoperta archeologica del 10 Mao Tse-Tung: i nostri compagni hanno rinvenuto una nuova pergamena facente parte del progetto "viafabbri43.net" (2).
Pur se quelle parole nulla dicono in onore di Francesco Guccini, ben possono esemplificare l'ambiente in cui l'opera gucciniana si dipanò.
Attendiamo un responso tempestivo alla nostra istanza.


Allegato (2)

Il diritto di scaricare, salvare o visualizzare il materiale del sito è garantito per uso personale. La grafica del sito non può essere riprodotta se non su autorizzazione scritta dei legittimi proprietari. Guccini fa parte del patrimonio culturale dell'umanità e divulgarne opera e gesta è obbligo morale di chiunque. Laddove non si intenda specificare la fonte, ogni riproduzione, trasmissione, performance o visualizzazione di questo materiale attraverso qualsiasi mezzo meccanico o elettronico deve essere concordata con i tenutari del sito.
Il sito viafabbri43.net non ha alcuno scopo di lucro. Gli eventuali introiti derivanti dagli annunci pubblicitari saranno interamente destinati a coprire le spese del server ospitante.
Qualora eventuali proprietari dei diritti di articoli e/o immagini non gradiscano la presenza sul sito di materiale da loro prodotto è sufficiente darne comunicazione affinché vengano immediatamente rimossi.
La caricatura in prima pagina è opera dell'eccelso vignettista brasiliano Rapha. Per contattarlo, clicca qui.
Questo sito non rappresenta una testata giornalistica in quanto viene aggiornato senza alcuna periodicità. Non può pertanto considerarsi un prodotto editoriale ai sensi della legge n. 62 del 7.03.2001


Menu rapido: Biografia | Notizie | Discografia | Bibliografia | Foto | Extras | Traduzioni


Aggiungi ai Preferiti
Copyleft 2004-2012. Brugnoni / Ciofanskj / Favero / Grilli. Lo chiamavano «disclaimer».
viafabbri43.net non è legato alla Emi Music o al sito ufficiale di Francesco Guccini.
Sito disegnato da Diego Brugnoni e Pietro Gregorini.