viafabbri43.net
Scatti
Discografia
In breve...
Folk beat n. 1
Due anni dopo
L'isola non trovata
Radici
Opera Buffa
Stanze di vita quotidiana
Via Paolo Fabbri 43
Amerigo
Album concerto
Metropolis
Guccini
Fra la via Emilia e il West
Signora Bovary
Quasi come Dumas
Quello che non...
Parnassius Guccinii
D'amore, di morte e di altre sciocchezze
Guccini Live Collection
Stagioni
Guccini Live @ RTSI
Ritratti
Anfiteatro Live
The Platinum Collection
Storia di altre storie
L'ultima Thule

FRANCESCO
La biografia

NOTIZIE
News da Pāvana

DISCOGRAFIA
Album e testi

BIBLIOGRAFIA
Libri di/su Guccini

SCATTI
Foto gucciniane

MISCELLANEA
Materiale vario e raro

TRADUZIONI
Guccini in Esperanto


Segnala un sito!

La veritā (testo)


Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "Due anni dopo" del 1970



La voce triste del silenzio abbraccia gli angoli del tempo,
si č fatto giorno, ed č giā sera e dove č andata primavera?
I camions corrono lontani, mi tengon fermo le tue mani.
Le fughe sono ormai finite sulle autostrade ormai ingiallite,
risate a vuoto si sono spente sui visi noti della gente.
Le frasi storiche son dette, le mani nobili son strette,
la mia canzone č morta giā, qualcuno forse ascolterā
cercando assieme a me la veritā...

Un suono triste di chitarra si sta spargendo lento in aria,
vorrei capire i miei pensieri, in sogni all'alba veritieri.
Nell'aria stanca della sera c'č un'illusione che par vera,
si son perduti anche i rumori in forme vaghe di colori.
Non sappiam pių che cosa dire, ma non c'č niente da sentire,
ogni discorso si č perduto nell'urlo dolce di un minuto
e mentre l'ora se ne va, lontana sembra la cittā
e forse cogli un po' di veritā...

Parole a vuoto son passate nel cielo breve dell'estate,
la saga falsa degli amori č giā finita come i fiori.
Ma i venditori di illusioni han giā cantato le canzoni,
le sale buie splenderanno e i nuovi amori nasceranno.
Nelle auto in corsa lungo i viali risplendon simboli sociali,
la corsa solita riparte, il tempo mescola le carte,
la mano ancora passerā e c'č chi perde o vincerā,
ma in quattro re non hai la veritā...

Le spiagge morte, all'improvviso, si sono aperte in un sorriso,
si č sparso piano nella brezza un dolce odore di tristezza.
Il tamburino ha giā suonato, ma il suo ricordo si č spezzato
e un vento denso di paura ha giā percorso la pianura.
Il cavaliere morirā, il suo scudiero non saprā,
parole vuote come occhiaie si seccano sulle pietraie
e mentre il corvo volerā e l'acqua in pioggia ricadrā
nel nulla sfuma ormai la veritā
nel nulla sfuma ormai la veritā
nel nulla sfuma ormai la veritā
nel nulla sfuma ormai la veritā...


Menu rapido: Biografia | Notizie | Discografia | Bibliografia | Foto | Extras | Traduzioni


Copyleft Copyleft 2004-2012. Brugnoni / Ciofanskj. Lo chiamavano Ģdisclaimerģ.
viafabbri43.net č un sito archiviato nel 2012. Il sito ufficiale di Francesco Guccini č www.francescoguccini.it
Sito disegnato da Diego Brugnoni e Pietro Gregorini.