viafabbri43.net
ScattiExtrasTraduzioni
Discografia
In breve...
Folk beat n. 1
Due anni dopo
L'isola non trovata
Radici
Opera Buffa
Stanze di vita quotidiana
Via Paolo Fabbri 43
Amerigo
Album concerto
Metropolis
Guccini
Fra la via Emilia e il West
Signora Bovary
Quasi come Dumas
Quello che non...
Parnassius Guccinii
D'amore, di morte e di altre sciocchezze
Guccini Live Collection
Stagioni
Guccini Live @ RTSI
Ritratti
Anfiteatro Live
The Platinum Collection
Storia di altre storie
L'ultima Thule
Universo gucciniano:
Sito ufficiale
Rispieghiamo Guccini...
La locomotiva
Segnala un sito!

L'uomo (testo)


Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "L'isola non trovata" del 1971



Senza l'ultima parola, frase saggia da citarsi,
pieg˛ il capo sul cuscino quasi per addormentarsi,
senza un grido, senza un nome, senza motti, senza un suono,
nŔ il rumore di battaglie, era morto un altro uomo,
rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell'aria calma e poi svaný,
per dove non sapremo mai.
mai, mai, mai, mai, mai...

C' era buio nella stanza, di malato un greve odore
e una lieve, pazza danza di mosconi in amore;
lievi ronzan le preghiere, poi qualcuno se n'Ŕ accorto:
si alz˛ atroce nella sera, solo un chiaro grido: "E' morto!"
Rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell' aria calma e poi svaný
per dove non sapremo mai
mai, mai, mai, mai, mai...

Svelti accorrono gli astanti: "Com'Ŕ morto?", "Com'Ŕ andata?"
Sfrigolava ormai sui pianti la candela giÓ bruciata;
gli composero le braccia, si ravvi˛ la rada chioma,
ondeggiava sulla faccia del rosario la corona:
rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell'aria calma e poi svaný
per dove non sapremo mai,
mai, mai, mai, mai, mai...

Si frug˛ dentro ai ricordi di una vita ormai finita,
si guard˛ dentro ai cassetti colmi di carta ingiallita:
"Questa foto Ŕ per la figlia." "L'orologio qui a chi tocca?"
"Meglio gli chiudiate gli occhi." "Meglio chiudergli la bocca."
Rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell'aria calma e poi svaný
per dove non sapremo mai
mai, mai, mai, mai, mai...

Si riuniscono i parenti, si rincorrono i ricordi,
giÓ si parla delle spese, giÓ si senton pianti sordi:
qualche spicciolo lasciato provoc˛ parole accese
che volarono sul letto e copriron le candele;
rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell'aria calma e poi svaný
per dove non sapremo mai,
mai, mai, mai, mai, mai...

Uno schiaffo fa tacere anche i giochi dei bambini,
son calate le serrande, neri sfilano i vicini.
Le ghirlande hanno gettato la tristezza sulle scale,
fra i parenti addolorati se ne scende il funerale,
rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell'aria calma e poi svaný
per dove non sapremo mai,
mai, mai, mai, mai, mai...

Una vita: quante cose dice il prete in due parole;
lo ringraziano gli astanti, via l'inverno, c'Ŕ giÓ il sole,
chiacchiere, risate lievi, vanno per il cimitero,
restan fiori con le scritte, resta al vento un drappo nero,
rest˛ solo qualcosa che vol˛
nell'aria calma e poi svaný
per dove non sapremo mai,
mai, mai, mai, mai, mai, mai...


Menu rapido: Biografia | Notizie | Discografia | Bibliografia | Foto | Extras | Traduzioni


Aggiungi ai Preferiti
Copyleft 2004-2012. Brugnoni / Ciofanskj / Favero / Grilli. Lo chiamavano źdisclaimer╗.
viafabbri43.net non Ŕ legato alla Emi Music o al sito ufficiale di Francesco Guccini.
Sito disegnato da Diego Brugnoni e Pietro Gregorini.