viafabbri43.net
ScattiExtrasTraduzioni
Discografia
In breve...
Folk beat n. 1
Due anni dopo
L'isola non trovata
Radici
Opera Buffa
Stanze di vita quotidiana
Via Paolo Fabbri 43
Amerigo
Album concerto
Metropolis
Guccini
Fra la via Emilia e il West
Signora Bovary
Quasi come Dumas
Quello che non...
Parnassius Guccinii
D'amore, di morte e di altre sciocchezze
Guccini Live Collection
Stagioni
Guccini Live @ RTSI
Ritratti
Anfiteatro Live
The Platinum Collection
Storia di altre storie
L'ultima Thule
Universo gucciniano:
Sito ufficiale
Rispieghiamo Guccini...
La locomotiva
Segnala un sito!

Canzone di notte (testo)


Canzone per la prima volta pubblicata nell'album "L'isola non trovata" del 1971



Ore confuse nella notte, la malinconia non è uno stato d' animo,
le vite altrui si sono rotte e sembra non esista più il tuo prossimo.
Ti vesti un poco di silenzio, hai la dolce illusione di esser solo,
son macchine che passano od è il vento, o sono i tuoi pensieri alzati in volo.

I tuoi pensieri un po' ubriachi, danzando per le strade si allontanano,
ti son sfuggiti dalla mano e il giorno sembra ormai così lontano
e il giorno sembra ormai così lontano...

Mattino o notte, hai perso il tempo, la malinconia ti sembra di toccarla,
ma forse è l'ora dell' avvento e chiami l' ironia per aiutarla.
E forse c'è qualcuno che ora muore, e forse c'è qualcuno che ora nasce,
qualcuno compie un crimine d' onore, passeggiano sui viali le bagasce.

Bagasce sono i tuoi ricordi che fra canzoni e vino ti disturbano,
che ti molestano pian piano e il giorno sembra ormai così lontano,
e il giorno sembra ormai così lontano....

Mattino o notte, cosa importa? I giorni sono nuvole distratte.
Suonerò l'ora alla tua porta e l' orologio è il sangue tuo che batte.
Quando verrà il tempo di partire l' ora avrà il medesimo colore:
sembra sempre un poco di morire nel momento eroico dell'amore...

Se ridi o piangi è sempre uguale, le cose nel ricordo poi si sfumano,
il sacro si unirà al profano e il giorno sembra ormai così lontano
e il giorno sembra ormai così lontano....

Mattino o notte, dentro e fuori, sei certo o cerchi la consolazione?
Son bianco e nero sol colori, o facce ambigue della tua prigione?
Cerchi sempre ciò che ti è lontano, dopo dici: "Tutto è relativo,"
ma l' ironia e il dolor dicono invano che sei certo solo di esser vivo.

Ma c'è ancor tempo per pensare, per maledire e per versare il vino,
per pianger, ridere e giocare e il giorno sembra ormai così vicino,
e il giorno sembra ormai così vicino,
e il giorno sembra ormai così vicino,
e il giorno sembra ormai così vicino...


Menu rapido: Biografia | Notizie | Discografia | Bibliografia | Foto | Extras | Traduzioni


Aggiungi ai Preferiti
Copyleft 2004-2012. Brugnoni / Ciofanskj / Favero / Grilli. Lo chiamavano «disclaimer».
viafabbri43.net non è legato alla Emi Music o al sito ufficiale di Francesco Guccini.
Sito disegnato da Diego Brugnoni e Pietro Gregorini.